Torrente Aurino (Ahr)

Il torrente Aurino, Ahr in lingua Tedesca, nasce dalla “Vette d’Italia” e scorre nella valle Aurina per una cinquantina di chilometri, fino alla confluenza con il grande fiume Rienza, a Brunico. Il torrente Aurino ha una portata di acqua media, ma in molti tratti ha una forte pendenza che crea forti correnti.

Le concessioni di pesca del torrente Aurino sono tutte private, quindi è un torrente sempre poco affollato grazie al numero chiuso che gestori dei vari tratti attuano. I nel tratti che preferisco sono a Caminata e Gries.

L’Aurino a Caminata e Gais è molto ricco di bellissimi Temoli, di taglia, quindi oltre ad essere molto tecnico bisogna pescarci nei periodi adatti che sono Primavera e Autunno, periodo in cui anche le acque, essendo un fiume glaciale, sono limpide. Sicuramente ci sono possibilità di pescare a secca, ma anche qui, come la maggior parte dei fiumi delle Dolomiti, bisogna saper pescare a ninfa. Anche qui in Valle Aurina il paesaggio, la cornice in cui si pesca, è da togliere il fiato.

I pro del Aurino: Ottimo per la pesca a ninfa e secca, bellissimi esemplari di temoli (40cm+),  Marmorate e Fario, accessi semplici

I contro dell’Aurino: nessuno

Acque da pesca Caminata e Gais

Stagione di pesca: dal 01.03 al 30.11

Periodo migliore: principalmente in primavera/autunno

Tecniche consigliate: Secca, Ninfa

Compila il form per organizzare una giornata di pesca con guida

Contattaci